Storia e struttura

Storia

L'atto di costituzione dell'AVO TREVISO fu firmato il 18 Febbraio 1994: da questo momento l'AVO è presente nella struttura ospedaliera di Cà Foncello.

L'AVO Treviso nasce e si costituisce grazie alla volontà di nove volontarie della San Vincenzo dè Paoli, coordinate dalla Signora JOLE CASSAN, che, supportate dal dottor Giancarlo Romagnoli, all'epoca primario del reparto di Geriatria, iniziano la loro opera di volontariato.

La forte motivazione dei volontari nel prestare servizio in reparto, viene recepita dall'amministrazione ospedaliera, che si rende parte attiva nella crescita dell'associazione, permettendo anno dopo anno, la sua integrazione all'interno della struttura ospedaliera.

Il percorso che ancora oggi i volontari dell'AVO percorrono, è stato voluto e determinato dalla volontà della Signora JOLE CASSAN di rendere il volontariato dell'AVO un vero e proprio servizio.

Inizialmente presente nel solo reparto di Geriatria, attualmente l'associazione è operante in altri sei reparti, ampliando sempre più il suo inserimento, fino ad essere presente, dal 2005, anche nel reparto di Ortopedia e Medicina presso l'ospedale di Oderzo.

La continua crescita, la presenza accanto ai degenti, l'aiuto offerto agli operataori sanitari, fa si che la figura del volontario AVO, venga riconosciuta ufficialmente dall' Azienda ospedaliera.

Per i circa 80 volontari AVO operativi è stato creato un camice bianco con colletto e martingala azzurri, che li contraddistingue dal personale sanitario.

La copertura assicurativa durante la permanenza in reparto, il tesserino identificativo, l'obbligo di firma sul libro presenza e lo spogliatoio dedicato, istituzionalizzano il volontario AVO, definendo la sua presenza.

Nel 2004 e nel 2014 si sono festeggiati rispettivamente i dieci ed i venti anni di attività, premiati dal sempre crescente numero di volontari, ma soprattutto dal superamento di iniziali diffidenze e difficoltà, ricompensate, quest'ultime, dalle gratificazioni morali ottenute nell'aiuto e sostegno al malato.

L'attuale presidente dell'AVO Treviso-Oderzo, il Sig. ADRIANO TONELATO, continua l'opera di chi lo ha preceduto e che è iniziata ormai 22 anni fa, con l'entusiasmo e l'energia che contraddistinguono il volontario AVO.

L'AVO Treviso è parte integrante della FEDERAVO NAZIONALE, sul cui sito si possono trovare tutte le informazioni storiche sulla nascita dell'associazione

 

Struttura

L'AVO di Treviso – Oderzo è costituita come O.N.L.U.S ( organizzazione non lucrativa di utilità sociale) ed è iscritta all'Albo Regionale delle Associazioni al numero TV0160

Il codice fiscale è : 94029990267

Opera in regime di convenzione con rinnovo biennale, con l'Azienda Sanitaria ULSS n°9 – Treviso

Per sostenere l'AVO Treviso – Oderzo, è attivo un conto corrente bancario, le cui coordinate sono:

IBAN:  IT 62 X 02008 12015 0000 2161 4513 Unicredit Agenzia 15 Treviso

Le donazioni effettuate tramite bonifico a favore dell'Associazione Volontari Ospedalieri, sono fiscalmente deducibili/detraibili.

L'Avo Treviso – Oderzo è associata alla FEDERAVO che raggruppa 230 sedi AVO con all'attivo circa 28.000 volontari presenti nelle strutture sanitarie, case di ricovero e strutture sanitarie convnzionate.

Lo schema riporta la struttura organizzativa nazionale AVO

L'attività dell'associazione è regolata da uno Statuto e da un Regolamento approvati dalla FEDERAVO.

Il protocollo inserito all'interno del regolamento, indica sinteticamente le regole alle quali il volontario AVO deve attenersi durante la permanenza nell'associazione.